L’applicazione della legge Lorenzin sui vaccini è ancora in una fase transitoria: c’è tempo fino al 10 marzo 2018 per consegnare tutte le documentazioni relative alle vaccinazioni obbligatorie. Ma quando entrerà a regime chi non è in regola a cosa andrà incontro? “A un certo punto è chiaro che ci si dovrà confrontare con questa legge. Se resta così c’è il rischio che molti bambini che non si sono vaccinati rimangano fuori dalla scuola materna”, spiega l’avvocato Mirella Manera (Giuristi per l’azione popolare) a margine di una conferenza stampa tenutasi a Milano sull’obbligo vaccinale. Alcune famiglie sono già pronte a fare ricorso al Tar contro le conseguenze della legge, ma con esito tutt’altro che scontato. “Molto dipenderà dalle indicazione che fornirà la Corte costituzionale se le vorrà fornire – continua Manera – soprattutto riguardo alle espulsioni. Penso che ci siano degli degli spazi affinché la Corte rivaluti le norme sulle esclusioni dalla scuola materna”.  Le famiglie che non vogliono vaccinare i loro figli per i motivi più diversi sono pronte a subirne le conseguenze: “Mio figlio non può frequentare né il nido né la scuola materna – racconta Alessandra madre di un bimbo di due anni e in attesa del secondo – Io probabilmente dovrò licenziarmi con gravissime conseguenze economiche sulla nostra famiglia”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, allarme fuori dal tribunale: “Trovata una granata, è la cosiddetta “bomba-ananas”. Ma è finta

prev
Articolo Successivo

Barbara D’Urso accolta dalla polizia col picchetto d’onore nella Questura di Milano – guarda il video

next