Polemica a L’Aria che Tira (La7) tra la giornalista del Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, e il sociologo Domenico De Masi sul reddito di cittadinanza proposto dal M5S. Meli sottolinea: “Il reddito di cittadinanza che vogliono i grillini esiste solo in Alaska ed è ben diverso dal reddito minimo garantito, che esiste praticamente in tutta Europa, tranne che in Italia e Grecia”. “Qui siamo a livelli di disinformazione totale”, commenta sorridendo De Masi. “Lei forse è disinformato su cosa sia veramente il reddito di cittadinanza”, ribatte Meli. Il giornalista Gianmaria Pica spiega che il reddito di cittadinanza voluto dal M5S in realtà è un reddito minimo garantito. “Ho capito, ma i grillini non sanno parlare l’italiano” – ribadisce Meli – “Il vero reddito di cittadinanza va a tutti, a prescindere dal reddito”. “Va a chiunque non lavori“, ribatte De Masi. “No, non è così” – ribadisce la firma del Corriere – “il reddito di cittadinanza è quello che ho spiegato io ed è in vigore solo in Alaska. Informatevi. I grillini sono ignoranti e non sanno di cosa parlano. Se uno non sa l’italiano, lo impari, altrimenti disinformiamo, come sempre, i telespettatori e passano i messaggi semplificati”. De Masi distingue tra il reddito di cittadinanza vero e proprio e altri redditi, come quello di tutela e di minimo garantito. E spiega: “Il reddito di cittadinanza spetta a tutti coloro che non hanno un lavoro, anche se il disoccupato fosse il figlio di un milionario come Trump. Su questo reddito di cittadinanza, che non è quello voluto dai grillini, io sono d’accordo, un povero non può aspettare e quindi così ottiene un reddito e subito. E non è vero che il reddito di cittadinanza si stia sperimentando solo in Alaska, ma anche in Australia e in Finlandia“. Nel finale, De Masi ha un vivace battibecco con l’ex deputato del Pdl, Giuliano Cazzola, che gli dà del ‘pontefice’

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Di Battista vs Riotta e Giannini: “Insulti in rete? Li condanno, ma incanaliamo rabbia in democrazia”

prev
Articolo Successivo

Banche, Migliore (Pd) vs Borghi (Lega): “Vi siete fatti Credieuronord che poi è fallita”. “È una bugia”

next