Seminudo, con una profonda ferita alla testa e i vestiti abbandonati poco lontano. Così è stato trovato il cadavere di una donna, probabilmente vittima anche di una violenza sessuale. Il ritrovamento martedì mattina, in un sottopassaggio adibito a via di fuga in piazzale della Croce Rossa, vicino a via Nomentana, in una zona molto centrale di Roma. La donna aveva tra i 40 e i 45 anni e al momento non è ancora stata identificata perché non aveva con sé documenti. Gli inquirenti parlano di “un attacco brutale” e ipotizzano che si tratti di una clochard, dal momento che il sottopasso è utilizzato dai senza fissa dimora come ricovero di fortuna e all’interno sono stati trovati coperte e cartoni.

Sul caso indaga la Squadra Mobile, che sta analizzando i filmati delle numerose telecamere di sicurezza presenti in zona. Secondo quanto è emerso finora dalle indagini, la donna aveva anche una caviglia rotta e la ferita alla testa non sembrerebbe compatibile con una caduta accidentale e non si esclude nessuna pista, compresa quella dell’omicidio. Probabilmente la donna è stata uccisa proprio sul posto del ritrovamento del cadavere, forse la notte scorsa.

E’ il terzo delitto nella Capitale nel giro di pochi giorni: tra venerdì e sabato c’erano stati altri due omicidi, per mano dello stesso killer che ha colpito con una coltellata al cuore. In quel caso l’assassino era stato arrestato nel giro di poche ore.