Russo, 52 anni, base jumper. Valery Rozov, definito “la leggenda del cielo”, è morto durante una spedizione. Era diventato famoso per aver salato, o forse sarebbe meglio dire “volato”, dalla facciata Nord dell’Everest. Rozov stava partecipando all’impresa Sette Vette, una specie di tour nel quale le tappe sono le montagne più alte del mondo, che diventano “basi” per spiccare il volo.  “E’ morto sabato – ha dichiarato all’agenzia francese AFP  Mingma Gelu Sherpa, responsabile del “Seven Summit Club” – abbiamo inviato degli elicotteri nel tentativo di recuperare il corpo”. L’incidente mortale è avvenuto durante il salto dall’Ama Dablam, una vetta di 6812 metri nella regione dell’Everest.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Lisa Fusco fa passare un aereo sopra la Casa. Su Twitter: “Era meglio se rimanevi a fare spaccate”

next
Articolo Successivo

“Fausto Brizzi mi ha molestata”: a ‘Le Iene’ le accuse di dieci attrici e modelle. Il regista: “Mai avuto rapporti non consenzienti”

next