di Carblogger

Molti considerano l’intelligenza artificiale il prossimo step dell’evoluzione dell’uomo. Nell’auto ne abbiamo alcuni elementi, altri arriveranno presto. Ma da quando l’uomo guida ha sviluppato competenze e processi mentali che tengono allenato il cervello, anche senza che se ne accorga. Per calcolare la distanza necessaria per rallentare e fermarsi nel mezzo di un incrocio, per non fare incidenti o per non investire pedoni, si utilizzano competenze che ci arrivano direttamente dalla fisica: la velocità, lo spostamento, il tempo. In un battito di ciglia facciamo calcoli che probabilmente non sappiamo neanche di saper fare.

Poi sono arrivati i sensori di parcheggio, la guida autonoma di livello 2 e i navigatori.

Il nostro cervello, pian piano, smette di fare tutte queste operazioni e le delega alla macchina, anzi all’entità che all’interno della macchina inizia a sua volta a sviluppare competenze. Ed eccoci qui a parlare di intelligenza artificiale come di quell’elemento immateriale al quale trasferire la nostra.

La maggior parte degli analisti indicano nella guida autonoma e nell’intelligenza artificiale i nostri “salvatori”: meno incidenti, più tempo a disposizione. In realtà, credo sia iniziato un lento e lungo processo che porterà il nostro cervello ad essere utilizzato sempre meno, anche nella quotidianità. Sospetto che quel lento ma continuo allenamento che ciascuno di noi faceva senza nemmeno rendersene conto verrà meno, fin quando entrare in macchina significherà smettere di pensare del tutto.

Si diceva in passato che utilizziamo solo una piccola parte del nostro cervello, ormai sappiamo che non è così, ma sappiamo che bisogna tenerlo in allenamento, bisogna leggere, studiare, stimolarlo. E adesso? Ci stiamo evolvendo o stiamo trasferendo la nostra materia grigia a un’entità che, tra qualche milione di anni ci avrà raggiunto e magari superato? Ma tanto noi non lo vedremo.

@carblogger_it

Questo mese FqMillennium si è occupato di robot e intelligenza artificiale. Se volete approfondire lo trovate in edicola

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dieselgate, 90mila italiani contro VW Parte la class action di Altroconsumo. L’azienda rischia un conto da 400 milioni

prev
Articolo Successivo

Auto a chilometri zero, la via italiana alla mobilità sostenibile

next