Ha strangolato la convivente poi ha chiuso il suo corpo in un frigo in cantina. Il giudice Andrea Romito ha condannato a 18 anni di carcere con rito abbreviato Armando Canò, il 50enne che nel giugno del 2016 ha ucciso la convivente Bernardetta Fella, 55enne. La richiesta della pm Katia Marino era di 17 anni, che includevano già lo sconto di pena previsto dall’abbreviato. Una perizia psichiatrica aveva stabilito che l’uomo era ubriaco al momento del delitto ma comunque capace di intendere e di volere. Il legale di Canò – che è stato condannato per omicidio volontario e occultamento di cadavere – aveva sostenuto davanti all’accusa che si trattasse di delitto preterintenzionale. Al termine dei 18 anni di carcere, Canò dovrà trascorrerne altri tre in una casa di lavoro a Castelfranco Emilia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meredith Kercher, “Rudy Guede lavorerà all’esterno del carcere”

next
Articolo Successivo

Bari, lavori gratis per un privato a spese di un’azienda pubblica: indagato ex presidente Amgas D’Addario

next