“Una cosa carina“. Anzi: “Una priorità“. Ma anche di più: “La Sicilia che diventa porta d’entrata dei commerci che vengono dall’Oriente”. Stretti nella morsa tra il centrodestra di Nello Musumeci e il Movimento 5 Stelle di Giancarlo Cancelleri, persino inseguiti dalla sinistra di Claudio Fava, i dirigenti del Pd hanno capito come fare per provare a recuperare posizioni in Sicilia. Forse promettendo una legge che tagli stipendi e sprechi dell’Assemblea regionale siciliana? O magari annunciando una riforma per rilanciare università e ricerca? Anzi meglio: un mega aumento delle tasse per i petrolieri? Ma quando mai.

Negli ultimi giorni di campagna elettorale sull’isola la botta segreta dei dem per recuperare voti è una e una sola: il Ponte sullo Stretto di Messina. Sissignore: la più antica delle promesse elettorali, capace di regalare un lunghissimo periodo di successi siciliani a Silvio Berlusconi, adesso è diventata completo appannaggio dei dem. D’altra parte lo stesso Matteo Renzi l’aveva ripescata dal passato nel settembre del 2015, suscitando gli attacchi di ambientalisti, tecnici e ingegneri.

Questa volta, però, sull’isola è tornato Berlusconi con un programma elettorale che sembra uscito direttamente dal 1994: e il primo punto all’ordine del giorno è tornato ad essere ovviamente il Ponte. Solo che questa volta il centrosinistra è tutt’altro che contrario. “Io penso che le infrastrutture debbano essere valutate non ideologicamente ma per la loro utilità, chiamando esperti, ragionando sui flussi, i costi”, dice Piero Fassino, da tre giorni a Palermo per sostenere Fabrizio Micari, aspirante governatore del Pd e di Angelino Alfano. Ma non è da vent’anni che l’Italia discute di progetti, appalti, cauzioni legate sempre allo stesso faraonico progetto? “Vent’anni di discussione in cui però una discussione vera non si è mai fatta”, sostiene l’ex segretario dei Ds. Che in un periodo non troppo lontano era tra i leader del centrosinistra contrari proprio al medesimo ponte, quando era appannaggio esclusivo di Berlusconi e Forza Italia: com’è che adesso ha cambiato idea? Fassino non risponde e tira in ballo un nuovo tipo di coerenza: quella astratta.  “Io le ho dato una risposta molto concreta ma adesso lei la pone in termini di coerenza astratta”, sbuffa l’ex sindaco di Torino , consapevole del fatto che ai dem del 2017 il Ponte piace e anche parecchio.

Video di Giuseppe Pipitone e Alberto Sofia

“Noi siamo in larga maggioranza d’accordo sul ponte sullo Stretto. Quello che io continuo a pensare è che prima ci siano una serie di opere da fare”, sottoscrive Fausto Raciti, deputato orfiniano e segretario siciliano del Pd, per nulla turbato da fatto che il suo partito stia pescando a piene mani dai programmi del centrodestra. “Il fatto che l’idea sia stata proposta per la prima volta da Berlusconi – assicura – non ne fa per forza un’idea sbagliata“. Ma come la pensa sull’argomento lo stesso Micari, che essendo ingegnere sarà a conoscenza dei vari pareri negativi espressi sull’opera da specialisti del settore solo pochi mesi fa? Per il rettore dell’università di Palermo quella del Ponte è “una cosa carina“. Che significa carina? È d’accordo o no con Renzi, Fassino e Raciti? L’aspirante governatore la prende alla larga, anzi alla larghissima. “Avete mai sentito parlare di grandi commerci che vengono dall’Oriente?”. Più o meno: e quindi? “Io voglio che la porta d’entrata per questi commerci diventi la Sicilia”, annuncia Micari. Va bene ma cosa c’entrano i commerci dell’Oriente col Ponte? Sono forse i commerci con la Calabria, che in effetti è evidentemente a est rispetto alla Sicilia? Nossignore, il rettore pensa molto più in grande: parla di Rotterdam, del canale di Suez, di porti e circumnavigazioni di continenti. “È chiaro che tutti questi milioni di container che arriveranno non possono certamente fermarsi a Messina e aspettare il traghetto“, conclude con gli occhi ad un futuro evidentemente remoto.

In attesa che milioni di container arrivino a Messina, quindi, si può dire evidentemente che anche Micari la pensa come Berlusconi: la Sicilia si salverà soltanto col ponte sullo Stretto. “Non so  – dice il diretto interessato – se Berlusconi avesse contezza di quest’idea del ponte del Mediterraneo”. Eppure è un suo cavallo di battaglia, non c’è dubbio. “Vi sbagliate – dice però il rettore  – l’idea del Ponte comincia dagli antichi romani“. In ogni caso, ora è del Pd. Che infatti come ha scelto di chiudere la campagna elettorale di Micari venerdì 3 novembre? Ma con una traversata in traghetto sullo stretto di Messina. A bordo il rettore in compagnia di Matteo Richetti, mentre Renzi ovviamente non si farà vedere. Con le ferrovie ferme al 1938, portare l’Intercity del Pd in Sicilia è una vera impresa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, “Berlusconi sempre assolto”. A Catania tra i fan di Silvio, che promette mari e monti e spara sul M5s

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia 2017, il mio partito

next