Mancano miliardi di anni prima che questo accada, ma un buco nero oggi ci svela quale sarà il tragico destino della nostra Via Lattea: una collisione cosmica violenta simile a quella che ha lasciato la sua eco nelle prime onde gravitazionali mai scoperte: il buco nero che si trova al centro della galassia a cui appartiene il Sistema solare potrebbe finire per urtare alla fine per fondersi con quello che si trova al centro della galassia più vicina, Andromeda. Questo lontanissimo futuro è suggerito dalle ricerche condotte dall’astrofisico Francesco Tombesi, vincitore del premio Aspen 2017 per la collaborazione e la ricerca scientifica tra Italia e Stati Uniti. “Ogni volta che avviene la fusione di due buchi neri sappiamo che questi si portano dietro tutte le loro galassie e che probabilmente potrà accadere così anche per il buco nero che si trova al centro della Via Lattea”, ha detto all’Ansa a margine della cerimonia di premiazione la scorsa settimana.

La sua ricerca sui buchi neri che nel 2015 ha conquistato la copertina della rivista Nature ha aperto la strada alla possibilità di capire come i buchi neri contribuiscano a formare nuove stelle e quindi a rinnovare le galassie. Dopo quella pubblicazione, ha aggiunto, “i nostri risultati sono stati confermati da molti altri gruppi in tutto il mondo e adesso si stanno osservando altre galassie. Sappiamo inoltre – ha detto ancora – che i buchi neri sono un laboratorio per studiare le leggi fisiche in condizioni estreme. Studiandoli potremmo scoprire nuove leggi fisiche”. Un altro obiettivo è ricostruire l’evoluzione di galassie e buchi neri dopo il Big Bang e capire se sono andati di pari passo, in una sorta di simbiosi cosmica.

L’articolo su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tramonto a Milano, ecco cosa ha trasformato i cieli del Nord Italia in un dipinto di Edvard Munch

prev
Articolo Successivo

Così le particelle cosmiche hanno svelato una camera segreta nella piramide di Cheope

next