È scontro nel Pd sull’addio di Piero Grasso, anche con colpi sotto la cintola. Protagonisti Patrizia Prestipino, membro della Direzione Pd e responsabile per le politiche animali, e i senatori Emanuele Fiano e Stefano Esposito. Succede tutto sul web. La miccia è un tweet ambiguo di Prestipino, già finita al centro delle polemiche perché intervenuta in difesa del Dipartimento mamme parlando di “tutela della razza”: “Il grosso Grasso divorzio dal Pd. Un film già visto. Come Prendi i soldi e scappa“.

Il primo a rispondere in maniera piccata è Fiano: “Scusa Prestipino – chiede e fa notare – ma forse andrebbe specificato che parli a titolo personale e non del Pd perché stiamo parlando della seconda carica dello Stato”. La responsabile dem per le politiche animali ribatte: “Certo che parlo a titolo personale. Rispetto seconda carica dello Stato. Da elettrice mi spiace molto che il politico ci abbia lasciati così”. Per Fiano può bastare: “Ecco così va bene!”.

Finita? Macché. È solo l’inizio. Mentre diversi utenti chiedono un chiarimento su quanto scritto (“Si sta accusando Grasso di aver ricevuto o rubato soldi?”), interviene il senatore Esposito: “Presidente Pietro Grasso le chiedo scusa io a nome della mia collega. Le divergenze politiche non fanno venire meno il rispetto”. Il “commissariamento” del parlamentare torinese non piace a Prestipino: “Collega nel senso di docente anche tu di latino? Grazie Stefano – scrive ironicamente – Nihil dictum quod non dictum prius (Non c’è nulla che non sia già stato detto, ndr). Non necessito di tutor. Buona giornata”. A quel punto, addio diplomazia: “Io sono educato – rincara Esposito – ma visto che fai la spiritosa te lo spiego in italiano. Hai fatto tweet schifoso e visto che rappresenti il Pd chiedi scusa”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Rosatellum bis viola le norme europee e ci mette al livello della Bulgaria

next
Articolo Successivo

De Luca: “Renzi e il comizio a Paestum? Le chiese sono fatte per accogliere pellegrini”

next