Una task force di esperti indipendenti per esaminare “con urgenza” le recenti accuse di molestie e abusi avvenuti dentro il Parlamento europeo. La plenaria, dopo la discussione in un’Aula semivuota il 25 ottobre scorso, ha approvato una risoluzione con 580 voti a favore, dieci contrari e 27 astenuti. Gli eurodeputati hanno dichiarato che condannano fermamente qualsiasi forma di violenza sessuale e si rammaricano che tali atti siano troppo spesso tollerati.

Nei giorni scorsi erano emerse alcune denunce pesanti di molestie proprio all’interno dell’istituzione. La prima a parlare Margot Wallström, ministro degli Affari esteri svedese ed ex membro della Commissione europea. Al suo racconto era seguito quello della collega alle Pari opportunità Asa Regnér. Entrambe hanno accusato leader Ue di cui non hanno fatto il nome. Il Sunday Times inoltre, in un’inchiesta pubblicata nei giorni scorsi, ha rivelato vari casi di molestie compiute da membri del Parlamento ai danni di “collaboratrici“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Storia dell’omosessualità, a Torino il primo corso universitario: “Oltre le ideologie”. Forza Nuova contesta

next
Articolo Successivo

Bolzaneto, Italia condannata ancora dalla Cedu. Pd: “Ma ora c’è reato tortura”. M5s: “Falso”. E il commissario Ue: “Non basta”

next