Avrebbero picchiato violentemente il parente di un pluripregiudicato appartenente ad un clan rivale per mandare un messaggio al boss. Con le accuse, a vario titolo contestate, di porto illegale di armi in luogo pubblico e lesioni personali, con l’aggravante di aver commesso i reati con l’utilizzo del metodo mafioso, la Polizia ha arrestato a Bitonto tre persone tutti con precedenti penali. Il pestaggio risale alla mattinata dello scorso 29 settembre, all’esterno di un capannone nella zona industriale di Bitonto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amalia Signorelli, morta l’antropologa di tante battaglie sociali. Ecco la sua rubrica d’esordio su FqMillennium

next
Articolo Successivo

Papa Giovanni Paolo II, nel Bresciano rubate le reliquie del pontefice santo

next