Preferisce entrare dall’ingresso secondario della stazione di Reggio Calabria in modo da evitare i contestatori che lo aspettavano per l’ennesima tappa di “Destinazione Italia”. Il segretario del Pd Matteo Renzi è stato duramente attaccato da alcuni attivisti di Fratelli d’Italia ai quali è stato impedito dalle forze dell’ordine di entrare alla stazione ferroviaria. “Non abbiamo – dice il consigliere comunale Massimo Ripepi – né pomodori, né uova, né niente, anche se Renzi merita più che questo per quello che ha combinato a Reggio”. Ma anche da semplici cittadini che quando hanno visto Renzi sui binari gli hanno urlato: “È una scenata. È fuggito. Vergogna. Buffone. Si deve confrontare con la città non solo con quelli del Pd. Pagliaccio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Romani (Forza Italia): “Fiducia? Se ci saranno problemi di numeri faremo le nostre valutazioni”

next
Articolo Successivo

Banche, Di Maio a Boschi: “Confronto in tv? Sì ma davanti ai risparmiatori di Etruria”. Lei: “Hai paura?”

next