Preferisce entrare dall’ingresso secondario della stazione di Reggio Calabria in modo da evitare i contestatori che lo aspettavano per l’ennesima tappa di “Destinazione Italia”. Il segretario del Pd Matteo Renzi è stato duramente attaccato da alcuni attivisti di Fratelli d’Italia ai quali è stato impedito dalle forze dell’ordine di entrare alla stazione ferroviaria. “Non abbiamo – dice il consigliere comunale Massimo Ripepi – né pomodori, né uova, né niente, anche se Renzi merita più che questo per quello che ha combinato a Reggio”. Ma anche da semplici cittadini che quando hanno visto Renzi sui binari gli hanno urlato: “È una scenata. È fuggito. Vergogna. Buffone. Si deve confrontare con la città non solo con quelli del Pd. Pagliaccio”