Felice Besostri, il grande stroncatore di leggi elettorali, è pronto a mettere in discussione anche il Rosatellum 2.0. “Noi abbiamo un ricorso in piedi sull’Italicum che è un parlare alla suocera perché nuora intenda: dopo il sopruso della fiducia alla Camera non si può ripetere la stessa cosa al Senato, perché la costituzione specifica che certe leggi vanno applicate con procedura normale. È la terza legge che mettiamo in discussione: la prima modifica da fare su questa è eliminare il voto unico tra parte proporzionale e parte uninominale. Stiamo sperimentando il conflitto di attribuzione, è uno strumento che intendiamo utilizzare”. Così Felice Besostri, avvocato ed ex senatore coordinatore di “Avvocati Antitalikum”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum autonomia, Maroni esulta ma è una vittoria col trucco

prev
Articolo Successivo

Referendum, la Lega esulta e Zaia rilancia: “Statuto speciale”. Berlusconi media e Renzi: “Patto tra partiti per ridurre tasse”

next