Felice Besostri, il grande stroncatore di leggi elettorali, è pronto a mettere in discussione anche il Rosatellum 2.0. “Noi abbiamo un ricorso in piedi sull’Italicum che è un parlare alla suocera perché nuora intenda: dopo il sopruso della fiducia alla Camera non si può ripetere la stessa cosa al Senato, perché la costituzione specifica che certe leggi vanno applicate con procedura normale. È la terza legge che mettiamo in discussione: la prima modifica da fare su questa è eliminare il voto unico tra parte proporzionale e parte uninominale. Stiamo sperimentando il conflitto di attribuzione, è uno strumento che intendiamo utilizzare”. Così Felice Besostri, avvocato ed ex senatore coordinatore di “Avvocati Antitalikum”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum autonomia, Maroni esulta ma è una vittoria col trucco

next
Articolo Successivo

Referendum, la Lega esulta e Zaia rilancia: “Statuto speciale”. Berlusconi media e Renzi: “Patto tra partiti per ridurre tasse”

next