Erano a pochi metri da lui, nelle campagne di Molinella, Bologna. Tre carabinieri in borghese a bordo di un’auto civetta. Con Igor il Russo ci hanno anche parlato: lui era al volante di un furgoncino bianco e ai militari ha chiesto di lasciargli spazio per poter passare nella strada stretta. Potevano fermarlo, ma dalla centrale è arrivato l’alt: “Aspettate i rinforzi”. E così Igor sparisce per sempre. Per fare chiarezza su cosa sia successo quella sera e per capire se ci siano responsabilità nella fuga del “killer di Budrio” la Procura militare di Verona ha aperto un fascicolo di indagine.

Erano le 19.45 dell’8 aprile quando i tre militari si trovarono faccia a faccia con Norbert Feher alias Igor Vaclavic, il pregiudicato serbo ricercato per il duplice omicidio del barista Davide Fabbri e della guardia ecologica Valerio Verri. I tre carabinieri vedono sopraggiungere un mezzo, simile a un Fiorino, corrispondente alla descrizione del furgone del killer. Lo seguono e allertano la centrale operativa di Molinella, con cui rimangono costantemente in contatto. Gli si accostano in una strada di campagna e gli ordinano di scendere dall’auto e di mostrare le mani. Igor, però, mette la retromarcia, percorre 150 metri e si ferma a ridosso del boschetto vicino alla strada. Con tutta calma si dirige nella vegetazione, per poi tornare indietro per prendere uno zaino dimenticato nel furgoncino. Dopodiché si allontana definitivamente. I carabinieri comunicano che “non sembra armato“. E i superiori, per motivazioni che ora la Procura militare vuole chiarire, ordinano ai militari di mantenere la calma, limitarsi a osservare i movimenti del soggetto e aspettare i rinforzi che da lì a poco sarebbero arrivati. Erano le 19.45: secondo quanto riporta Il Giornale i rinforzi sarebbero arrivati solo un’ora e mezza dopo, alle 21.15. Da quella volta Igor non è mai più stato individuato.

Il fascicolo aperto dall’ufficio giudiziario militare guidato dal procuratore Stanislao Saeli è per “atti relativi”, cioè senza indagati né reati, ed è stato aperto sulla base delle notizie riportate dai giornali sulla vicenda. Obiettivo dell’accertamento, ancora in corso, è capire se la procedura seguita la sera dell’8 aprile sia stata corretta e se ci siano eventuali responsabilità in chi ha operato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco, la sua enciclica raccontata nei gesti

next
Articolo Successivo

Firenze, don Maurizio Pallù rientrato in Italia: “Evangelizzeremo la Nigeria”

next