Ascoltato fino a tarda sera fino a quando gli è stato comunicato di essere indagato. È accusato di omicidio volontario Francesco Palumbo, l’avvocato di 47 anni che nel pomeriggio di domenica ha sorpreso tre ladri nell’abitazione del padre e ha aperto il fuoco, uccidendone uno. La vittima, di nazionalità italiana, era riversa a terra in strada. Gli altri due, invece sono riusciti a scappare e sono ricercati. L’avvocato avrebbe sparato, viene confermato, almeno 6-8 volte e con sé avrebbe avuto due caricatori con 13 colpi. Secondo un primo esame esterno, l’uomo è raggiunto da due colpi di pistola mentre era di spalle a una distanza di circa dieci metri. Probabilmente perché stava fuggendo, riferiscono gli inquirenti sul posto. L’arma è regolarmente detenuta. Palumbo è stato interrogato dalla polizia e dal magistrato di turno: è indagato in libertà. Le indagini sono affidate al pm Simona Gentile e agli agenti della squadra mobile.

I fatti. Verso le 16.30 l’allarme dell’abitazione dei genitori dell’avvocato, che non erano in casa, ha cominciato a suonare ed essendo collegato al telefonino del professionista, Palumbo si è recato in via Palermo. All’esterno, nel giardino, l’avvocato ha trovato un uomo e gli ha chiesto cosa stesse facendo. Il “palo”, ha risposto quello, urlandogli di andarsene perché stavano rubando nell’appartamento. L’avvocato, però, ha tirato fuori la pistola e, a sua volta, ha urlato che non se ne sarebbe andato ed avrebbe chiamato la polizia. A quel punto i due complici sono usciti dall’abitazione, e uno – secondo il racconto di Palumbo – avrebbe infilato una mano nella tasca. Temendo che avesse una pistola, Palumbo ha aperto il fuoco, sparando tra i sei e gli otto colpi, con l’intenzione – ha spiegato alla polizia – di spaventare i ladri. Ma due colpi di pistola hanno ferito al torace un ladro, mentre gli altri due si sono dati alla fuga.

“Ho visto uno dei ladri infilare la mano in tasca e ho avuto paurapreso dal panico ho sparato molti colpi”, aveva raccontato Palumbo agli investigatori nelle ore immediatamente successive all’accaduto. “Ha intimato ai primi due ladri di fermarsi e poi di allontanarsi – ha detto a Rainews24 Leone Zeppieri, legale dell’indagato – nel momento in cui è stato fronteggiato dai due, ha percepito una minaccia concreta per la propria incolumità e ha esploso alcuni colpi di pistola in aria, che poi hanno colpito un terzo ladro che scendeva dalle scale. La sua condizione era di particolare tensione. La paura e la percezine di una condizione obiettiva di pericolo per la propria incolumità lo hanno portato a esplodere dei colpi in aria come forma di dissuasione”.

“L’uomo che ha difeso la sua vita e l’abitazione della famiglia sparando al ladro a Latina sta subendo un processo politico e mediatico ingiusto. Non esistono né se né ma: è legittima difesa“, si legge in una nota firmata da Barbara Saltamartini, vicepresidente del gruppo della Lega-Noi con Salvini alla camera e il Coordinatore regionale del Lazio Francesco Zicchieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Latina, sorprende i ladri in casa: spara e ne uccide uno. Altri due in fuga

next
Articolo Successivo

Bergoglio attacca Trump: “Allontamento Usa da accordo sul clima? Una disgrazia”

next