Blackout improvviso ieri pomeriggio, durante la trasmissione Tagadà (La7), mentre era in corso un dibattito sul malocchio e sul “nefasto” venerdì 13, giorno che la superstizione popolare ritiene sfortunato. Nel talk show condotto dalla giornalista Tiziana Panella, è stato mandato in onda un servizio sulla iella e sulle iettature, ma la trasmissione inaspettatamente è stata interrotta per un disservizio e sostituita da una lunga pausa pubblicitaria. Ad allarmarsi per il guasto televisivo sono stati diversi utenti di Twitter, alcuni dei quali hanno sarcasticamente parlato di inevitabile “karma”. Dopo l’impasse e il ritorno in studio, Panella prende in mano la situazione e commenta ironicamente: “Io da questo evento in poi sono superstiziosa. E’ ufficiale. Il prossimo venerdì 13 non esco di casa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beppe Grillo lascia l’hotel e silura i cronisti: “Legge elettorale? Siete anacronistici”

prev
Articolo Successivo

Da dove diavolo sbuca l’auto? La telecamera riprende un incidente. Ma nessuno riesce a spiegarlo

next