“Gli attacchi informatici hanno una pericolosità pari a quella militare tradizionale o a quella nucleare. Tanto è vero che un eventuale prossimo conflitto non sarà condotto in personale in tenuta mimetica ma in camice bianco”. Questo il pensiero del generale Giorgio Battisti, intervenuto al workshop internazionale “Cyber security, organizzato da Rossana Rodà, presidente dall’Associazione per lo scambio economico italo eurasiatico. Tra gli obiettivi degli attacchi informatici anche gli ospedali come spiega, a margine del convegno, la dottoressa Maria Rita Gismondo del Sacco di Milano. “Sono una fonte importante di dati che possono essere utilizzati sia per fini commerciali o a fini terroristici. Tutti gli ospedali sono attaccabili anche se poi quando succede la notizia non viene divulgata. Secondo l’intelligence internazionale il 65% degli ospedali a livello mondiale ha subito questo tipo di attacco”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

ZenFone 4: Gigabit LTE, lenti grandangolari, selfie e wefie da oltre 20MP e batterie ad alta capacità per i nuovi smartphone di ASUS

next
Articolo Successivo

Overwatch Premier Circuit: nella Pg Arena della Milan Games Week quattro team si giocano il titolo di campione

next