A Milano per la sua prima uscita da candidato premier M5s, Luigi Di Maio risponde a chi gli domanda se il suo ruolo di capo politico ha creato malumori all’interno del Movimento: “Io sono impegnato a cambiare le cose in questo paese insieme a tutto il Movimento 5 stelle, il resto non mi interessa”. Per il suo primo appuntamento da candidato ha scelto un evento sulle start-up organizzato da Talent Garden. “Sono qui per dimostrare una priorità: dare lavoro alle nuove generazioni ma anche a quelle generazioni che perdono il lavoro per via delle nuove tecnologie e devono essere reinserite in nuove forme di lavoro. Dobbiamo creare una smart-nation“. Infine un commento sulle recenti elezioni in Germania con l’affermazione dell’estrema destra: “Noi siamo l’unico argine contro gli estremismi in Europa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’autolesionismo del Movimento 5 Stelle

next
Articolo Successivo

Puglia, dirigente locale del Pd restituisce la tessera a Renzi: “Quando farai rispettare le regole verrò a riprenderla”

next