La filosofia non serve a nulla? Non diciamo fesserie, la filosofia serve in ogni frangente della propria vita. Serve a guardare le cose in modo diverso, a riflettere, interrogarsi, a non farsi divorare e soffocare dal preconfezionato. Serve a mettere in discussione ogni cosa, anche un semplice bicchiere d’acqua, figuriamoci le corna! Pensare significa in sostanza scavare e la filosofia è un’ottima paletta.

In questo post voglio applicare la filosofia alle corna per tentare di scardinare alcuni stereotipi culturali. Partiremo da un assunto molto semplice: le corna non esistono. Il mondo è pieno di cornuti, questo è sicuro, ma sono cornuti solo perché si tratta di persone prigioniere di paesaggi mentali codificati. Il segreto consiste, quindi, nel cambiare codice e quindi punto di vista. Nel nostro nuovo orizzonte mentale noi elimineremo il concetto di tradimento e lo faremo modificando il concetto di fedeltà.

A che cosa bisogna essere fedeli? Alla vita. Solo alla vita, a nient’altro. La vita è movimento: così, se scopro che la mia donna “si muove” con un altro uomo, non c’è tradimento, c’è solo movimento, quindi vita. Vedete com’è semplice? Non siete più dei cornuti, siete solo spettatori di un evento straordinario: la vostra donna è viva, vitale, pulsionale, desiderante. Non è una meraviglia? Perché arrabbiarsi? Perché sentirsi traditi? Perché lasciarsi?

Ovviamente il discorso vale anche per le donne. Se ci sorprendete a letto con un’altra dovete pensare questo: il mio compagno (o mio marito) è vivo! La vita è piena di deviazioni e in questo momento sono testimone di una “deviazione clitoridea”. Che male c’è? Non drammatizziamo, è solo questione di corna! La vita deve essere un’ariosa progressione verso paesaggi mentali allargati, dobbiamo diventare sempre più leggeri e lievi, altrimenti non riusciremo a volare in cielo, ma resteremo ingolfati nella melma degli stereotipi e degli schematismi. Una prospettiva terribile!

Togliamoci dalla testa le etichette mentali, sono loro le responsabili dei peggiori crimini. Siete convinti? Avete bisogno di tempo per riflettere? Prendetevi tutto il tempo che volete, io non ho fretta, ma mi permetto di darvi un semplice consiglio. Se sorprendete il vostro partner a letto con un’altra o con un altro fate questo: preparate del tè con i pasticcini per tutti e tre e serviteli con garbo ai focosi amanti. Otterrete così una serie di vantaggi: non ci saranno estenuanti drammi di inutili gelosie, non finirete sulla cronaca nera per gesti inconsulti e, soprattutto, avrete creato nuove forme di stupore e felicità condivisa. La vita continuerà a fluire, a muoversi insieme a voi: nulla di più bello, fidatevi. C’è solo una cosa: cercate di mettervi le corna verso le 17 del pomeriggio, altrimenti la tecnica “tè con pasticcini” risulterà inefficace e fuori luogo. Ah, che bella la filosofia!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salute: Zendium e i batteri buoni, il dentifricio fa la rivoluzione

next
Articolo Successivo

Amore, amici e lavoro: i giovani fuggono o si rintanano nel virtuale

next