Una haka anti-omofoba sulle note di Kissing Strangers e un’amichevole per lanciare un appello alle federazioni sportive affinché inseriscano nei rispettivi statuti il divieto di discriminazione per l’orientamento sessuale dei propri atleti. E’ quanto avvenuto al parco Forlanini di Milano, dove oggi si sono affrontate in una partita di rugby Libera, squadra a 15 composta da una trentina di ragazzi, alcuni dei quali dichiaratamente omosessuali e una rappresentativa di ex nazionali.

Ai partecipanti è stato chiesto di farsi un selfie con il paradenti arcobaleno per sostenere la campagna #smileandfight, lanciata sabato mattina, sono molti gli sportivi che hanno già aderito sui social, anche se nessuno, rugbisti in campo a parte, tra chi annunciato dagli organizzatori nei giorni scorsi era presente alla manifestazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stop Gender, parte in tour il Bus della libertà: “Difendiamo i nostri figli dalla confusione voluta dall’ideologia lgbt”

prev
Articolo Successivo

Montecatini, Lega contro lo sportello per aiutare i migranti con la burocrazia. “Ma costa poco e fu istituito dalla destra”

next