Toy R’ Us molla il colpo. Il gruppo americano dei giocattoli ha fatto istanza di bancarotta e si appresta a chiudere alcuni punti vendita mentre gli altri saranno riorganizzati. La maggior parte dei suoi 1.600 negozi resteranno aperti per le prossime festività, con l’ex colosso dei giocattoli che si impegna a usare il finanziamento da 3 miliardi di dollari ottenuto nell’ambito del Chapter 11 per continuare a rifornire i negozi e alimentare le sue operazioni. ”E’ l’alba di una nuova era per noi: ci aspettiamo che i limiti finanziari che ci hanno ostacolato saranno affrontati in modo efficace e duraturo”, ha detto l’amministratore delegato Dave Brandon. Toys R’ Us è stata acquistata nel 2005 per 6,6 miliardi di dollari da Vornado Realty Trust e dai due fondi di private equity Bain Capital e KKR & Co. Un’acquisizione che non è riuscita a rilanciare la società, piegata dai debiti, di cui uno da 400 milioni di dollari in scadenza nel 2018. Mentre l’esercizio fiscale che si è chiuso nel gennaio del 2017 ha registrato perdite per 36 milioni di dollari su ricavi per 11,5 miliardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ryanair, il numero uno: “Voli cancellati per 400mila passeggeri. Rimborsi per un totale di 20 milioni di euro”

next
Articolo Successivo

Condono sul contante, resta in piedi l’ipotesi di una sanatoria. Delrio: “Se ci sarà proposta la valuteremo”

next