Pole position di Sebastian Vettel nel Gran Premio di Singapore. Il pilota della Ferrari ha preceduto tutti gli altri piloti fermando il cronometro sul 1’39″491. Dietro a lui le due Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo. Mentre l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen chiude la seconda fila.

Solo quinto il leader del mondiale Lewis Hamilton, quinto a 635 centesimi dal tedesco. Accanto a lui in terza fila partirà Vallteri Bottas sesto con un ritardo di oltre un secondo a conferma delle difficoltà della Mercedes. Chiudono Nico Huelkenberg settimo su Renault, quindi le due McLaren con Fernando Alonso davanti a Stoffel Vandoorne ottavo e nono mentre al decimo posto c’è Carlo Sainz Jr su Toro Rosso.

“Ho faticato sia al mattino, che anche nel pomeriggio. Non so dove ho trovato questo giro. Sono senza voce, ma amo questa pista. La macchina è andata sempre meglio e sono davvero contento”, ha commentato Vettel dopo aver conquistato la pole. “Quando senti la macchina prendere vita puoi fare quello che vuoi – ha aggiunto – Sapevamo di avere il potenziale e ce l’abbiamo fatta”. In vista della gara, con Hamilton in ritardo, il pilota non si sbilancia: “Per ora sono contento della pole, sarà una gara difficile. Speriamo di poter portare sensazioni positive anche in gara”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, perché la amerò oltre ogni cambiamento

prev
Articolo Successivo

F1, gp di Singapore: suicidio Ferrari in partenza. Fuori Vettel e Raikkonen. Hamilton ringrazia – RISULTATI E CLASSIFICA

next