Dopo il passaggio dell’uragano Irma sulle isole di Saint Martin e Saint Barthélémy rimane solo la distruzione. I testimoni sul posto hanno parlato di “un paesaggio apocalittico”, con abitazioni e palazzi totalmente distrutti.

Come indicato dal ministro dell’Interno, Gérard Collomb la priorità è quella di “ristabilire i mezzi di comunicazione” e fornire cibo alla popolazione. Gli aiuti stanno lavorando anche per ripristinare l’elettricità, necessaria per rimettere in moto l’impianto di desalinizzazione utilizzato per rendere l’acqua potabile. Il presidente de Consiglio territoriale, Daniel Gibbs, ha affermato che il 95% della parte francese di Saint Martin è stata distrutta, mentre resta difficile l’accesso a Saint Barthélémy a causa dei danni all’aeroporto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna: referendum per l’indipendenza della Catalogna, cronaca di un film già visto

prev
Articolo Successivo

Donald Trump vs Kim Jong-un, pazzi ma con metodo

next