Un’intera palazzina affittata a 15 venditori ambulanti bengalesi a Paola, in provincia di Cosenza. Tutti pagavano, in nero, 100 euro al mese per vivere in un fabbricato di 7oo metri quadri, tra cumuli d spazzatura, stanze sporche prive di pavimenti, mobili e letti. Su richiesta del pm Anna Chiara Fasano, il gip Rosamaria Mesiti ha sequestrato lo stabile dopo che la Guardia di finanza, durante il sopralluogo, ha chiesto un intervento sul posto di un ispettore dell’Asp di Cosenza. Quest’ultimo ha confermato le “precarie” condizioni igienico-sanitarie dei locali affittati, risultati incompatibili con le “normali condizioni di vita”. Nella palazzina, infatti, le fiamme gialle hanno trovato cucine alimentate pericolosamente con bombole a gas e stoviglie ed accessori in pessime condizioni. I bagni e le docce erano addirittura fuori dall’edificio. I proprietari dello stabile affittato ai bengalesi sono stati denunciati per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. La Procura di Paola, guidata da Pierpaolo Bruni, adesso calcolerà gli affitti percepiti in nero negli ultimi anni e li sottoporrà a tassazione.
Diversi extracomunitari, alcuni minorenni, sono risultati senza permesso di soggiorno. Otto di loro sono stati denunciati, inoltre, per detenzione per la vendita di prodotti industriali recanti marchi contraffatti e ricettazione. All’interno della palazzina, infatti, sono state sequestrate 409 capi di abbigliamento tra scarpe, borse, borsellini ed occhiali da sole di note griffe contraffatte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Livorno, umiliazioni, botte e calci al ragazzo disabile: il video dei Carabinieri che incastra i due aguzzini

prev
Articolo Successivo

Mortara, maxi rogo in azienda smaltimento rifiuti speciali. Prefetto: “Rischio diossina”

next