Elizabeth Sloane è una lobbista tra le più ricercate a Washington. Ostinata e cocciuta, Liz è abilissima nel convogliare voti di deputati e senatori per le cause del suo studio di power-broker. Passa indistintamente da un versante all’altro delle battaglie politiche infischiandosene di ideali progressisti, fino a quando sulla propria strada incontra un anziano e reazionario senatore che ha convocato gli alti papaveri del suo studio e chiede alla donna di inventare una strategia per far approvare la legge Heaton-Harris, autentica deregulation etico-giuridica sull’uso delle armi negli Stati Uniti. Per qualche segreto motivo la donna non si fa “arruolare” nell’impresa, anzi passa alla lobby avversa che invece quella legge la vuole affossare.

Il ritorno di John Madden alla regia è un pregevole thriller dal ritmo sostenuto che vede protagonista Jessica Chastain, granitica e ipertesa mediatrice politica, perno narrativo di un film che non lascia mai un minuto di vuoto percettivo lavorando sottotesto su un orgoglio chiaramente liberal, e raccontando in fin dei conti un personaggio femminile che per una carriera ad altissimi livelli ha abdicato ad una vita normale con figli e famigliola, finendo perfino ad andare a letto con dei gigolò per colmare vuoti sessuali. Stilisticamente più vicino ai film politici di George Clooney regista che a un più classico titolo di Alan J. Pakula, Miss Sloane è comunque parente prossimo, e riuscito, del già sublime Michael Clayton di Tony Gilroy. Nelle sale italiane dal 7 settembre 2017 grazie a Leone Film Group e 01 Distribution

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezia 74, Jim Carrey commuove nel documentario su di lui, Andy Kauffman (e Tony Clifton). “Recito perché mi affascina vedere scomparire me stesso”

next
Articolo Successivo

Freddie Mercury, ecco la prima foto del leader dei Queen nell’intepretazione di Rami Malek

next