Ucciso per una sigaretta negata. Un uomo di nazionalità portoghese è morto dopo una lite con un suo connazionale in un bed and breakfast di Verona, quartiere Borgo Roma. La discussione, secondo le prime ricostruzioni delle forze dell’ordine, è iniziata nella notte del 31 agosto e si è conclusa con una coltellata all’arteria femorale. La vittima, Joaquim Manuel Fajardo Moio, 58 anni, è morta per dissanguamento. Al momento in questura si sta sentendo un 37enne, principale sospettato. L’ipotesi di reato è omicidio volontario, con l’aggravante dei futili motivi: la sigaretta negata, appunto.

All’arrivo della polizia, nella casa c’erano sette uomini, tutti portoghesi. Sia la vittima che il sospetto si trovavano a Verona per lavorare come operai e dormivano insieme ad altri connazionali nel bed and breakfast nella zona sud della città. Secondo Sky Tg24, a chiamare il 118 sarebbe stato proprio il sospettato. Sul posto sono intervenuti gli investigatori della squadra mobile della questura scaligera e gli uomini della polizia scientifica. Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero di Verona Valeria Ardito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il richiedente asilo picchiato ad Acqui Terme, il Ku Klux Klan e la bagna cauda

next
Articolo Successivo

Stupri di Rimini, la foto dei violentatori la notte delle aggressioni in spiaggia

next