Poco più di un mese e mezzo fa, la foto della sua ex Belen Rodriguez aveva fatto indignare i fan: l’eccessivo foto ritocco sembrava infatti aver “tolto” addirittura un seno alla modella argentina. Adesso è il turno di Stefano De Martino: sul suo profilo Instagram è apparsa infatti un’immagine pubblicitaria dove il ballerino sembra avere sei dita del piede: “Sei bellissimo, a che ti serve il Photoshop? Ora hai anche 6 dita del piede…”, scrive una fan. Alcuni ipotizzano si tratti di “un callo più grande del mignolo”, altri che siano “muscoli anche nel piede” e infine c’è chi sostiene si tratti di una astuta “trovata pubblicitaria”: il prodotto che De Martino pubblicizza nel post, infatti, sono proprio ciabatte.

Make your own rhythm  @havaianaseurope #havaianassummer #ad

Un post condiviso da Stefano De Martino (@stefanodemartino) in data:

Belu• #holita #bw ???

Un post condiviso da Belén Rodriguez ???? (@belenrodriguezreal) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Carrozzini e Bee Shaffer sposi: ecco chi sono i due figli d’arte che solo ora hanno reso pubblica la loro storia

next
Articolo Successivo

Via col vento cancellato da un cinema di Memphis: “Insensibile verso la popolazione locale”

next