Bagarre a Coffee Break (La7) tra deputata di Forza Italia, Michaela Biancofiore, e il senatore di Ala, Vincenzo D’Anna. La polemica esplode per via delle parole della parlamentare di Bolzano sulla figura di Silvio Berlusconi: “L’ho sempre ammirato da quando ero piccolina e poco più di una bambina. Vidi la pubblicità di Forza Italia in televisione e mi iscrissi a un club del partito a Bolzano. Da quel giorno ho sempre seguito Berlusconi, che per me resta un esempio da seguire. Le sue qualità?” – continua – “E’ sempre rimasto un uomo del popolo, pur essendo un miliardario. E’ sempre rimasto quel ragazzo che durante la Guerra, quando era un bambino di 6-7 anni, andava a cercare l’acqua nei pozzi per far dissetare non solo la sua famiglia, ma anche tutte le famiglie contigue. Era l’unico maschio della famiglia ed è rimasto quel bambino molto semplice, cioè un uomo capace di sentire le problematiche del popolo. Inoltre, ha una fantasia enorme e una grande capacità di costruire, qualità che lo hanno reso un po’ il re Mida di questo Paese”. Biancofiore poi passa a snocciolare i difetti del Cavaliere: “Non è capace di cacciare mai nessuno, è troppo buono. Ha una bontà d’animo che la gente gli riconosce, a differenza di altri leader politici, come il giovane Renzi, che sono cinici e pensano solo al tornaconto personale“. Lapidaria la replica di D’Anna, che definisce “molto edulcorate e cortigiane” le parole di Michaela Biancofiore. E la reazione della deputata è quasi incontenibile: “L’aggettivo ‘cortigiana’ non lo accetto, perché io sto dal 1994 con Berlusconi, quindi mi pregio di conoscerlo molto di più di un traditore che è entrato nel Pdl nel 2008 solo per interesse. I veri cortigiani sono quelli che sono saliti sul bus per interesse. Io non ho insultato nessuno, ‘cortigiano’ è un insulto detto da uno che ha tradito dopo esser salito sul bus di Berlusconi solo per interesse, come ha fatto con Renzi e con Verdini“. “Sì, abbiamo capito, adesso ci vuoi far parlare?” – insorge D’Anna – “Berlusconi ti ha sentito. Ti vuoi stare zitta? Taci. Taci!“. “‘Taci’ lo dici a tua sorella piccola, non lo dici a me” – ribatte Biancofiore – “Come si vede che siete cafoni nell’indole. Non solo siete traditori, ma anche cafoni“. “No, no, ‘taci’ lo dico a te”, rincara D’Anna. La zuffa verbale continua per vari minuti e il senatore verdiniano si spazientisce, mentre Biancofiore continua a parlare: “Ma che dobbiamo fare qua? Assistere all’apologia di Berlusconi? Stia zitta la Biancofiore. Voglio ricordare che, da bolzanina qual è, noi nel 2008 l’abbiamo eletta in Campania coi nostri voti e l’abbiamo fatta diventare deputata. E continua a starnazzare“. Il subbuglio, però, diventa quasi ingestibile e a perdere le staffe è il conduttore, Andrea Pancani: “Ma cosa devo fare? Devo chiudere i microfoni? Vi prego!”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, Lezzi (M5s) vs Ricci (Pd): “Abusivimo edilizio? Cancelleri è stato chiaro: valutare caso per caso”. “Fate solo propaganda”

next
Articolo Successivo

Fascismo, Violante: “Obelisco Mussolini? Toglierei scritta ‘Dux'”. Sallusti: “A me invece imbarazza via Stalingrado”

next