Polpette con topicida o croccantini avvelenati. Il video è stato girato ad Acri, in provincia di Cosenza, dove qualcuno ha avvelenato diversi cani. Il filmato-denuncia è stato poi pubblicato su facebook e dal sito www.amoreaquattrozampe.it. Si vede un cagnolino che ha ingerito il veleno, barcolla e fa fatica a stare in piedi. Solo l’intervento di un ragazzo, Andrea Scaglione, che ha avvertito i volontari e il veterinario, ha permesso si salvarlo. Le immagini si riferiscono all’8 agosto quando sono stati avvelenati tre cani. Dopo essere stato soccorso, le condizioni del cane sono migliorate. “Ma il dramma non si ferma e all’indomani del salvataggio sono stati rinvenuti altri cani morti avvelenati” denunciano gli animalisti che chiedono un “tempestivo intervento delle istituzioni mirato a contenere il fenomeno del randagismo, sia attraverso campagne di sterilizzazione, di microchippatura, di investimenti in canili e in un monitoraggio del territorio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ragusa, se i vigili appiccano il fuoco vanno accusati di alto tradimento

prev
Articolo Successivo

Migranti. Indagato Mussie Zerai, prete candidato al Nobel che segnala i barconi in difficoltà

next