È morto a 92 anni il maestro Bruno Canfora, musicista e compositore tra i più famosi dell’età d’oro della musica leggera e del varietà televisivo. Ha scritto la musica di alcuni grandi successi di Mina, Rita Pavone, le Gemelle Kessler, Ornella Vanoni. Sue alcune tra le sigle televisive più famose degli anni Sessanta: Dadaumpa, La notte è piccola, Zum zum zum, Quelli belli come noi, mentre tra i successi di musica leggera che ha composto nel corso della sua carriera, vanno ricordati Mi sei scoppiato dentro il cuore, Sono come tu mi vuoi, Vorrei che fosse amore, Brava di Mina, Il geghegé, Il ballo del mattone, Fortissimo di Rita Pavone.

Divenne anche un volto noto al grande pubblico grazie alla direzione dell’orchestra in alcuni importanti show del sabato sera come Canzonissima, Studio Uno, Sabato Sera e Senza Rete. Fu anche direttore artistico del Festival di Sanremo e, tra le altre cose, scrisse un brano per Mina che ebbe un incredibile successo in Giappone dal titolo “Anata To Watashi (Tu Ed Io)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Prati sbarca sul Daily Mail grazie alla sua forma fisica: “Con dieta sana e fitness, sembra una ventenne”

prev
Articolo Successivo

Al Bano furioso contro gli haters: “Chiudo i miei profili social. Le vostre sono reazioni piene di odio, rozzezza e violenza”

next