Due pagine: a queste G. B., imprenditore umbro di 61 anni, ha affidato le sue ultime parole, prima di togliersi la vita. Le banche non gli davano più credito, non lo aiutavano più a pagare gli stipendi dei suoi operai e dei fornitori. Una lettera che racconta tutta la disperazione dopo il dissesto economico che ha colpito l’azienda a cui era a capo, la Cobem di Umbertide, che l’uomo non è riuscito a sopportare. Poi un appello rivolto all’avvocato di famiglia, perché si prenda cura della moglie e dei suoi due figli.

A fare la scoperta all’interno di un magazzino della fabbrica, impegnata nel settore dellautomotive, e a trovare il corpo dell’imprenditore privo di vita è stato un dipendente, arrivato sul posto di lavoro nella prima mattinata di ieri, 3 agosto. Proprio poche ore dopo, intorno alle 11, i dipendenti, in sciopero da 24 ore per il mancato pagamento degli stipendi, avrebbero dovuto incontrare l’imprenditore, insieme alle sigle sindacali. Pare che l’uomo, sposato e con due figli impiegati nell’azienda, si fosse impegnato a cercare di pagare alcune mensilità, soprattutto a quei dipendenti pronti a partire per le ferie estive. Ma non ce l’avrebbe fatta. Nulla hanno potuto fare i sanitari del 118. Gli agenti del commissariato di Città di Castello hanno preso in carico il caso, acquisendo quanto necessario e tutti gli elementi sul luogo della tragedia, inclusa la lettera scritta dall’imprenditore che racconta una storia atroce e durissima di una crisi che continua a mordere soprattutto i medi e piccoli imprenditori. I funerali dell’uomo si sono svolti nel pomeriggio del 4 agosto, nella parrocchia di Cristo Risorto.

A Umbertide, cittadina nell’Alta Valle del Tevere, in provincia di Perugia, lo conoscevano in tanti: 30 anni fa, dopo essere stato licenziato da operaio da un’importante azienda del territorio per via del taglio del personale, era riuscito a riprendersi e a creare il suo piccolo impero. Insieme alla Cobem, aveva dato vita ad altre quattro aziende, di cui una a Jesi, nelle Marche. Impiegati in fabbrica erano in 135, molti dei quali stranieri. Da tempo navigava però in brutte acque: la situazione si protraeva da diversi anni, l’imprenditore si era rivolto alle banche per estinguere i suoi debiti e far quadrare i bilanci. Non riusciva a rispettare le scadenze, i conti non tornavano e le banche si erano irrigidite.

In una nota ufficiale del Comune, il sindaco di Umbertide Marco Locchi ha scritto: “Ha subito destato grande sconcerto e preoccupazione in tutta la città, sia per le circostanze drammatiche che hanno indotto limprenditore a compiere lestremo gesto, sia per le condizioni dei lavoratori che da tempo non percepivano più regolare stipendio”.

Lunedì 7 agosto si aprirà un altro capitolo della vicenda: i lavoratori dell’azienda e le organizzazioni sindacali hanno deciso di autoconvocarsi e si incontreranno alle 16 all’interno del Centro socio-culturale San Francesco per discutere di quanto accaduto e del destino della fabbrica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assunzioni in polizia, carabinieri, vigili del fuoco: ok della Madia per 2739 posti. La ministra: “Presto ne seguiranno altre”

next
Articolo Successivo

Sindacati, i tre “piccoli” del trasporto pubblico si uniscono. Ma meno sigle non significa meno disagi per i cittadini

next