Un microchip nascosto nelle divise e nei camici di quasi tutti i dipendenti della sanità della Liguria. Medici, infermieri, tecnici, uscieri. Solo chi ha ruoli amministrativi si salva. Uno dei primi ad accorgersene è stato il portinaio del Galliera, l’ospedale dalla Curia genovese il cui presidente è il cardinale ed ex presidente della Conferenza episcopale italiana Angelo Bagnasco. Appoggiando la mano su una cucitura della camicia, Tullio Rossi, questo il nome del portinaio, s’è accorto di una specie di bottoncino nascosto dentro. Ha preso in mano le forbici per tagliare un lembo della camicia ed è saltato fuori il dispositivo: una cimice con le funzioni di localizzatore gps, come hanno chiarito gli accertamenti successivi.

La vicenda è stata resa nota dalle pagine locali di Repubblica, che racconta come i microchip non siano stati fatti indossare solo ai dipendenti del Galliera. Ma a quelli di tutte le strutture sanitarie pubbliche della regione. Un modo per controllare in ogni momento dove si trovano i dipendenti, per spiarli: “Una grave violazione della privacy e un controllo fuorilegge sul posto di lavoro”, è l’accusa dei sindacati, che lamentano pure di non essere stati avvisati. E sono preoccupati per gli eventuali rischi per la salute dei lavoratori, visto che a qualcuno, come lo stesso Rossi, tocca di indossarne più di una cimice: una nascosta nella camicia, una nei pantaloni, una nella giacca. Diversa la versione dei direttori delle strutture sanitarie: “Il microchip identifica la persona – ha spiegato a Repubblica Luigi Bottaro, direttore della Asl Tre di Genova -. E’ associato a quel dipendente in modo che i capi, dopo essere stati lavati, tornino alla base di partenza, cioè ai proprietari. Per evitare, così, che possano finire ad altri”. Un sistema insomma per monitorare il percorso dagli ospedali alle lavanderie degli indumenti, per evitare che si perdano, utilizzato anche nelle lenzuola.

Un’innovazione, secondo le Asl, apportata dal maxi appalto da 66 milioni di euro vinto dalla ServiziItalia di Castellina di Soragna (Parma). A bandire la gara è stata Alisa, l’Azienda Ligure Sanitaria, al cui vertice il governatore Giovanni Toti ha chiamato Walter Locatelli, in precedenza ai vertici della sanità lombarda.
“Per controllare gli indumenti ci sono già le targhette con nome e cognome del dipendente e i codici a barre”, ribatte Tullio Rossi che è anche rappresentante sindacale dell’Usb. A lui che se n’è accorto il Galliera, attualmente impegnato a portare avanti un contestato progetto per la costruzione di nuovi padiglioni su cui pende un ricorso al Tar, non gliela sta facendo passare liscia. Contro Rossi, che dice di avere estratto il dispositivo solo per capire di cosa si trattasse, è stato infatti aperto un procedimento disciplinare per avere “arbitrariamente eliminato – si legge nella lettera di contestazione – il microchip presente in una delle camicie costituenti la dotazione personale, necessario per la tracciabilità del capo”.

Twitter @gigi_gno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, auto esce di strada durante un rally: morto un commissario di gara

prev
Articolo Successivo

Genova, ragazza 16enne muore dopo un festino: “Aveva preso Mdma”. Arrestati il fidanzato e un suo amico

next