Non si può pensare che sia normale. O forse sì se sfogli i giornali sportivi e leggi di pseudo valori di alcuni calciatori superstar. Poi ecco che qualcuno rilancia: ma i calciatori non fanno i soldi licenziando altri calciatori. E un po’ è così, anche così; perché il neoliberismo vive anche di sbalzi crudeli: annunci un piano esuberi importante e la Borsa premia il titolo. Quante volte lo abbiamo visto. Siamo alle solite: economia a trazione finanziaria ed economia reale. Scelte finanziarie contro scelte occupazionali. Il rigore e il senso di Olivetti è scomparso dal radar.

Flavio Cattaneo è sicuramente un bravo manager, forse persino uno dei migliori, tant’è che quando sono stato in Rai come vicedirettore me ne hanno parlato bene. Non lo conosco. Eppure anche se fosse tra i più bravi o il più bravo, la sua buonuscita in questo momento non si può sottrarre a una riflessione morale legata alla crisi occupazionale in corso. Esattamente come molti altri gruppi, Tim ha direttamente o indirettamente chiuso dei percorsi professionali penalizzando tanti lavoratori e dio solo sa cosa significhi oggi l’abbattimento del valore “lavoro”. Cattaneo è stato a capo di un brand di comunicazione e proprio per questo la sua buonuscita rispetto ai mesi lavorati è e sarà un boomerang contro.

Sia chiaro, parliamo di lui come potremmo parlare di tanti manager che escono senza patire troppo la cessazione di un rapporto: forse non c’è più un limite nelle retribuzioni del neoliberismo, si diventa funzione del capitale, campioni del mercatismo e quindi mercenari senza maglia. È giusto? È davvero il mercato? Oppure persino questa domanda non ha valore?

Una cosa è certa. Un crepaccio profondo dividerà sempre più l’aristocrazia dei Ceo, immuni da valutazioni morali e spesso impermeabili persino a valutazioni sul reale valore professionale, dalla plebe dei precari, degli invisibili, dei questuanti di un contratto e di una retribuzione purchessia. La nobiltà dei nuovi potenti contro la plebe degli indebitati.

Ci sgoliamo contro i benefit della casta politica ma non c’è voce sulle assurdità del sistema neoliberista, stipendi e buonuscite da Paperon de’ Paperoni. Scagliarsi contro i politici non ha più nulla di rivoluzionario, scagliarsi contro questa nuova aristocrazia significa affrontare i loro uffici legali, significa sfidare il vero potere.

Il sistema GangBank non ha paura. Perché è padrone. Sfidarlo significa cominciare già a perdere. Ma cominciare a perdere non significa automaticamente uscire sconfitti. Non c’è status più esposto della nobiltà in tempi di ribellione e di inquietudine. Fortuna loro non siamo nemmeno all’inizio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità pubblica, grandi spese per ritorni insufficienti

prev
Articolo Successivo

Mediaset Premium, Adriano Galliani è il nuovo presidente. Berlusconi jr: “Ci darà una mano con l’asta dei diritti tv Serie A”

next