Quando una “vecchia” Ferrari compie gli anni, c’è sempre da togliersi il cappello. Nel caso della F40, che oggi ne compie 30, c’è un motivo in più per farlo: grazie al suo 3.0 V8 Biturbo da 478 cavalli, sostanzialmente fu la prima vettura del cavallino a poter essere considerata una F1 “stradale”. Una vera macchina da corsa per l’asfalto di tutti i giorni, insomma. Venne presentata ufficialmente il 21 luglio del 1987 al centro civico di Maranello, dove oggi sorge il museo delle Rosse. Per festeggiare, la Ferrari ha chiamato tre dei “papà” di quel modello: Leonardo Fioravanti, curatore del design per conto di Pininfarina, Ermanno Bonfiglioli, allora a capo dei progetti speciali e Dario Benuzzi, lo storico collaudatore. A loro detta le linee inconfondibili, la leggerezza e le prestazioni estreme (0-100 in 4,1 secondi e velocità massima di 324 km/h) furono le chiavi del successo di un modello che, come e più di altri, rimane nella storia. Auguri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercedes Classe X, anche la Stella ha il suo pick-up – FOTO

next
Articolo Successivo

Mitsubishi, per i suoi 100 anni si regala la Pajero One Hundred – FOTO

next