Confronto pepato a Bersaglio Mobile (La7) tra il leader del Pd, Matteo Renzi, e il direttore del TgLa7, Enrico Mentana. I temi del dibattito sono assortiti: dalle future alleanze del Pd fino agli 80 euro. Ed è su quest’ultimo punto che Renzi fa autocritica: “Ho sbagliato nella comunicazione, che è stata come una televendita. Avrei dovuto interpellare 4 professori universitari”. Ma Mentana replica: “Però su quell’errore ha preso il 40% alle elezioni europee”. E si accende la polemica. “Non è vero” – si difende l’ex presidente del Consiglio – “non ho preso il 40% per quello. Lei ha una scarsa idea degli italiani se pensa che uno voti per gli 80 euro”. “Ma sì” – ribadisce il giornalista – “lei era al governo da 4 mesi e quegli 80 euro erano un emblema”. “Non è vero” – insiste Renzi – “Racconti la verità, gli 80 euro sono arrivati dopo”. “Sì, ma erano stati varati prima”, ribatte Mentana, che gli ricorda le accuse dell’opposizione e il paragone della trovata degli 80 euro con le scarpe di Achille Lauro. Il faccia a faccia registra anche altri momenti al calor bianco, come quando viene affrontato l’argomento degli accordi governativi. Renzi insorge: “Io voglio parlare il linguaggio degli italiani, non quello di voi giornalisti che state dalla mattina alla sera a discutere dell’acquario dei partiti. Fuori di qui, anche tra i suoi ascoltatori, non gliene frega a nessuno. Lei vuole ridurre la politica a una sorta di Risiko”. Mentana ribatte: “Veramente ieri Salvini ha detto: “Non ci alleiamo con Renzi”. Queste son cose chiare. Salvini non si può accusare di parlare di acquario. Anzi”. “Non entro sulla discussione relativa alle alleanze” – puntualizza il leader dem – “Se poi lei pensa che io mi alleo con Salvini, evidentemente bisogna che si faccia vedere per il caldo”. “Io mi farò vedere comunque per il caldo”, controbatte Mentana

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Renzi vs Mentana: “Lei era fuori corso, io no”. “Non mi sono mai laureato”. Poi sbaglia una citazione latina, il direttore lo corregge

next
Articolo Successivo

Vaccini e omeopatia, Piero Angela: “La scienza non è democratica. Non è emotività. Il ‘pensiero magico’ attira”

next