Confronto pepato a Bersaglio Mobile (La7) tra il leader del Pd, Matteo Renzi, e il direttore del TgLa7, Enrico Mentana. I temi del dibattito sono assortiti: dalle future alleanze del Pd fino agli 80 euro. Ed è su quest’ultimo punto che Renzi fa autocritica: “Ho sbagliato nella comunicazione, che è stata come una televendita. Avrei dovuto interpellare 4 professori universitari”. Ma Mentana replica: “Però su quell’errore ha preso il 40% alle elezioni europee”. E si accende la polemica. “Non è vero” – si difende l’ex presidente del Consiglio – “non ho preso il 40% per quello. Lei ha una scarsa idea degli italiani se pensa che uno voti per gli 80 euro”. “Ma sì” – ribadisce il giornalista – “lei era al governo da 4 mesi e quegli 80 euro erano un emblema”. “Non è vero” – insiste Renzi – “Racconti la verità, gli 80 euro sono arrivati dopo”. “Sì, ma erano stati varati prima”, ribatte Mentana, che gli ricorda le accuse dell’opposizione e il paragone della trovata degli 80 euro con le scarpe di Achille Lauro. Il faccia a faccia registra anche altri momenti al calor bianco, come quando viene affrontato l’argomento degli accordi governativi. Renzi insorge: “Io voglio parlare il linguaggio degli italiani, non quello di voi giornalisti che state dalla mattina alla sera a discutere dell’acquario dei partiti. Fuori di qui, anche tra i suoi ascoltatori, non gliene frega a nessuno. Lei vuole ridurre la politica a una sorta di Risiko”. Mentana ribatte: “Veramente ieri Salvini ha detto: “Non ci alleiamo con Renzi”. Queste son cose chiare. Salvini non si può accusare di parlare di acquario. Anzi”. “Non entro sulla discussione relativa alle alleanze” – puntualizza il leader dem – “Se poi lei pensa che io mi alleo con Salvini, evidentemente bisogna che si faccia vedere per il caldo”. “Io mi farò vedere comunque per il caldo”, controbatte Mentana

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi vs Mentana: “Lei era fuori corso, io no”. “Non mi sono mai laureato”. Poi sbaglia una citazione latina, il direttore lo corregge

prev
Articolo Successivo

Vaccini e omeopatia, Piero Angela: “La scienza non è democratica. Non è emotività. Il ‘pensiero magico’ attira”

next