“Non abbiamo bisogno di chiudere le frontiere. Al contrario, è proprio chiudendo le frontiere che rischiamo di distruggere il nostro sistema di protezione sociale”. Il presidente dell’Inps ha spiegato che “gli immigrati offrono un contributo molto importante al finanziamento del nostro sistema di protezione sociale”. Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, illustrando alla Camera la Relazione annuale dell’Istituto. Proprio sul tema immigrazione l’Inps ha compiuto una simulazione che guarda all’ipotesi di azzeramento dei flussi guardando all’evoluzione da qui al 2040 “in entrata di contribuenti extracomunitari“. Questo, ha spiegato Boeri, porterebbe “73 miliardi in meno di entrate contributive e 35 miliardi in meno di prestazioni sociali destinate a immigrati, con un saldo netto negativo di 38 miliardi” per le casse dell’Istituto. Valori che comporterebbero, ha aggiunto: “una manovrina in più da fare ogni anno per tenere i conti sotto controllo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, mobilitarsi per vincere l’odio: il presidio di Casalbruciato blocca Casapound

prev
Articolo Successivo

Ventimiglia, dove i vacanzieri (anestetizzati) vedono ma non guardano i migranti

next