La Procura di Roma ha chiesto nei confronti dell’imprenditore e parlamentare del Pdl Antonio Angelucci una condanna a 4 anni di carcere nell’ambito del processo legato ai contributi pubblici per i quotidiani Libero e il Riformista. I finanziamenti sarebbero stati percepiti indebitamente nel 2006 e nel 2007, prima di essere bloccati, proprio a seguito dell’indagine.  Per gli altri due imputati, Arnaldo Rossi e Roberto Crespi rappresentanti legali delle sue società ‘Editoriale Libero’ e ‘Edizioni Riformiste’, il pm Francesco Dall’Olio ha chiesto, invece, una condanna a 3 anni e sei mesi.

Secondo l’accusa le due società hanno dichiarato di appartenere a editori diversi per aggirare il divieto di richiedere contributi pubblici per più di una testata da parte dello stesso editore. Il pm al termine della requisitoria ha dichiarato prescritta l’accusa di truffa consumata. Per questa vicenda, nel giugno del 2013, la Guardia di Finanza eseguì un sequestro preventivo di 20 milioni nei confronti delle due società. Nel frattempo, lo scorso anno, Angelucci è diventato anche proprietario del Tempo. Il Riformista ha invece chiuso nel 2012.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Marra e Scarpellini tornano liberi con obbligo di firma. E Raggi chiederà di essere interrogata su caso nomine

prev
Articolo Successivo

Consip, Marco Lillo perquisito per il contenuto del libro ‘Di padre in figlio’

next