“Si tratta di una chiara vittoria del centrodestra e di una sconfitta del centrosinistra particolarmente dolorosa, in città dove c’era una più radicata tradizione di sinistra. E’ evidente che una parte dell’elettorato di sinistra non ha votato per il centrosinistra”. Così Massimo D’Alema, arrivando a Roma per partecipare all’assemblea regionale di Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti, commenta l’esito dei ballottaggi delle amministrative: “Il crollo dell’affluenza è li a testimoniare una sorta di sciopero del voto che ha danneggiato tutti, ma in particolare il centrosinistra”. D’Alema evita di parlare di Renzi e non commenta il lungo post, con il quale il Presidente dem Matteo Orfini sui social, ‘archivia’ il centrosinistra, è da una valenza nazionale al voto di ieri: “Il punto – sostiene D’Alema – è che non è sufficiente fare il centrosinistra senza fare una seria riflessione politica sulle politiche seguite nel corso di questi anni. Le persone non votano più per il centrosinistra perché sono arrabbiate per il JobsAct, la ‘Buona Scuola’. E siccome queste politiche vengono continuamente rivendicate e non sottoposte ad una seria analisi autocritica è evidente che se non c’è una svolta nelle politiche, nei contenuti, non c’è nessuna possibilità di recupero“.

Per Alfredo D’Attorre, deputato di Art.1-Mdp, è essenziale “modificare la leadership del centrosinistra per modificarne le politiche. La sconfitta di Renzi si è già consumata e rischia di trascinare con sé l’intero centrosinistra

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggi, Salvini: “Qualcuno ha perso le elezioni senza fare un comizio. Renzi? Sarà il conduttore di Chi l’ha visto”

next
Articolo Successivo

Expo, Rizzo: “Sala ha aggirato regole a fin di bene? Anche i socialisti rubavano ma dicevano di aver costruito il metrò”

next