“Quello che mi auguro è che non venga archiviato, ma che” la morte di Stefano Rodotà rappresenti un “episodio, sia un impulso, un impegno a continuare battaglie di cui abbiamo tanto bisogno” e aiuti a trovare “il coraggio di continuare a combattere per i diritti civili, per i doveri, per tutto quello per cui ci siamo in qualche modo battuti insieme”. Lo ha sottolineato Emma Bonino, rendendo omaggio alla camera ardente di Stefano Rodotà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Rodotà, dai Radicali alla difesa dei beni comuni: ritratto del giurista e politico di sinistra ‘maniaco’ dei diritti

next
Articolo Successivo

Illegalità legalizzata e altre malefatte della casta. Ovvero fesso chi ‘Legge’

next