“Quello che mi auguro è che non venga archiviato, ma che” la morte di Stefano Rodotà rappresenti un “episodio, sia un impulso, un impegno a continuare battaglie di cui abbiamo tanto bisogno” e aiuti a trovare “il coraggio di continuare a combattere per i diritti civili, per i doveri, per tutto quello per cui ci siamo in qualche modo battuti insieme”. Lo ha sottolineato Emma Bonino, rendendo omaggio alla camera ardente di Stefano Rodotà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano Rodotà, dai Radicali alla difesa dei beni comuni: ritratto del giurista e politico di sinistra ‘maniaco’ dei diritti

prev
Articolo Successivo

Illegalità legalizzata e altre malefatte della casta. Ovvero fesso chi ‘Legge’

next