Passare dall’industria dei film porno al mondo dei videogiochi non è cosa da tutti giorni: c’è riuscita la poliedrica Mia Khalifa, attrice hard di origini libanesi, che ieri ha fatto il suo debutto ufficiale sulla piattaforma Twitch, dove la passione per la consolle si condivide in diretta streaming con utenti connessi da tutto il mondo. Inutile dirlo, il suo canale è letteralmente esploso, raccogliendo quasi 80mila iscritti in una sola sera.

Mia Khalifa, classe 1993, da bambina si è trasferita dal Libano agli Stati Uniti, dove è entrata nell’industria dei film per soli adulti: una carriera rapida e sfolgorante, che nel giro di pochissimo tempo l’ha consacrata come la regina di PornHub. Nel 2016, spezzando il cuore a legioni di fan, si è ritirata dall’industria. Sul suo canale si è presentata con una t-shirt grigia, i capelli raccolti e gli immancabili occhiali, mangiando snack sul divano come una ragazza qualsiasi. I videogames però non sembrano essere il suo punto forte: per la sua prima sessione di gameplay, Mia ha scelto di giocare a hockey con NHL 2017 su Ps4, con scarsissimi risultati. Scommettiamo che agli 80mila fan collegati non sarà dispiaciuto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tormentoni estivi e dove trovarli. Il segreto svelato da un arzillo vecchietto quasi centenario

prev
Articolo Successivo

App progettate per non vedenti: promossa la Apple, bocciata Telegram

next