“Anche a Roma dobbiamo agire contro la siccità, per questo abbiamo convocato l’osservatorio con la Regione Lazio lunedì. Ho apprezzato l’ordinanza della sindaca, ma sarebbe anche un bel segnale, ad esempio, interrompere l’erogazione dei nasoni (le tipiche fontane romane, che versano acqua 24 ore su 24, ndr), almeno per qualche giorno”. E’ l’idea di Gian Luca Galletti per far fronte alla siccità che sta colpendo la penisola e rischia di mettere in particolare difficoltà la Capitale. Il ministro dell’Ambiente l’ha affidata alle telecamere di Skytg24 a margine di una riunione straordinaria dell’Osservatorio permanente del Distretto Padano, per poi ribadirla in un comunicato.

“Penso alle fontane dei comuni, penso ai 2.500 nasoni di Roma. Sarebbe un bel segnale interromperli per qualche giorno”, si legge nella nota. “Dobbiamo intervenire sulla dispersione idrica, in particolare per Roma, per il Lago di Bracciano, su cui si riunirà ancora l’Osservatorio lunedì – ha aggiunto il ministro – dobbiamo intervenire sui prelievi illegali, lì molto diffusi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, M5s: “Inceneritore di Colleferro? Responsabilità di Muraro e Giglio”

prev
Articolo Successivo

Ferrara, bambina di 4 mesi muore dopo essere precipitata dalla finestra di casa

next