Virginia Raggi? Come voto le darei 6 meno meno, ma proprio per incoraggiamento e per premiare comunque la tenacia con cui ha resistito a un attacco che avrebbe schiantato anche un bufalo“. E’ il giudizio che il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, nel corso di Otto e Mezzo (La7), dà all’operato della sindaca di Roma. Maggiori i voti dati dal vicedirettore dell’Espresso, Marco Damilano, che le dà 7 più e dal presidente di Rcs Libri, Paolo Mieli, che conferma l’auto-votazione della prima cittadina, ovvero 7 e mezzo. “La Raggi ha resistito in un momento in cui pensavo che se ne sarebbe andata” – osserva Travaglio – “E forse avrebbe pensato bene di andarsene. La sua resistenza è un caso interessante, perché mi ricorda quella di un sindaco che, dopo sei mesi, era dato per spacciato in una situazione molto simile: Luigi De Magistris. Nominò 12 assessori e ne cambiò 11. Fu dato per finito. Ora è stato riconfermato perché adesso Napoli funziona. Allora, mi auguro che questo primo anno serva alla Raggi da lezione per fare i prossimi 4 come ha fatto De Magistris. Magari anche una telefonata al sindaco di Napoli potrebbe servirle

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercato mondo, nel 2020 si venderanno cento milioni di auto nuove all’anno

prev
Articolo Successivo

Antitrust Ue, multa da 27 milioni di euro per Automotive Lighting e Hella. Si salva Valeo

next