Resistenza a pubblico ufficiale, attività commerciale abusiva e violazione dell’ordinanza della sindaca di Torino, Chiara Appendino, emessa dopo i fatti di piazza di San Carlo. Questi i capi d’accusa a cui dovranno rispondere i due venditori abusivi bengalesi di 36 e 38 anni che la scorsa notte hanno accerchiato e aggredito, insieme ad una cinquantina di persone accorse sul luogo, la pattuglia dei carabinieri che li aveva fermati per controlli straordinari nella zona dei Murazzi, centro della movida del capoluogo piemontese.

I carabinieri della compagnia San Carlo hanno sorpreso il 38enne mentre vendeva abusivamente bottiglie trasportate in una busta di plastica e il connazionale mentre trascinava un carrello pieno di birre. Alla vista dei militari, gli abusivi sono scappati urlando e piangendo verso un gruppetto di giovani che ha circondato i carabinieri con lo scopo di impedire i controlli. Dapprima 5-6 donne si sono avvicinate ai militari di una pattuglia, poi, all’arrivo di altri carabinieri, il gruppo si è infoltito. Alcuni militari sono stati spintonati, ma in pochi minuti hanno riportato la calma.

Durante la serata i carabinieri hanno sequestrato 60 bottiglie di birra e multato i due fermati e altri venditori, per circa 14mila euro nel rispetto dei provvedimenti presi dall’amministrazione comunale torinese dopo i fatti di piazza di San Carloin cui viene imposto il divieto – dalle ore 20 alle ore 6 – di vendere alcolici e superalcolici da asporto nelle zone della movida notturna. L’ordinanza, firmata dalla sindaca, resterà in vigore fino al 30 settembre e coinvolgerà principalmente le zone limitrofe a piazza Vittorio, San Salvario e Vanchiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acireale, tassista muore per infarto dopo essere stato aggredito con calci e pugni: fermato un 25enne. La scena filmata

next
Articolo Successivo

Corleone, la figlia di Riina chiede per tre volte il bonus bebé e le viene negato: nessuno crede che sia indigente

next