L’icona dello sport catalano Pep Guardiola ha lanciato a Barcellona, davanti a migliaia di sostenitori dell’indipendenza, la sfida del referendum affermando che “voteremo anche se lo Stato spagnolo non vuole”.  “Noi catalani voteremo il primo ottobre per decidere il nostro futuro”, ha detto lo storico ex giocatore e tecnico del grande Barcellona. “La Catalogna – ha accusato – è vittima di uno Stato che ha messo in atto una persecuzione politica indegna del XXI secolo”. Guardiola ha fatto appello alla comunità internazionale, spesso interrotto da grida di “Libertà!”, “Indipendenza!”, “Votiamo!”.  Da tempo Guardiola si è schierato per il ‘diritto di decidere’ del popolo catalano. Alle regionali del 2015 si era presentato simbolicamente all’ultimo posto nella lista della coalizione indipendentista, che aveva vinto la maggioranza assoluta nel parlamento di Barcellona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Francia, Macron sfonda al primo turno legislative: verso maggioranza assoluta. Crollo Fn, ma record astensione

prev
Articolo Successivo

Puerto Rico, plebiscito al referendum per diventare il primo stato ispanico degli Usa

next