Un video diffuso sui social media e poi mandato in onda dalle emittenti britanniche mostra le terribili immagini del fatale scontro al Borough Market tra la polizia e i tre attentatori dell’attacco londinese di sabato scorso. Il video, registrato da una telecamera a circuito chiuso, mostra gli aggressori, Khuram Butt, Rachid Redouane e Youssef Zaghba, che corrono verso gli agenti e cercano di pugnalarli, ma vengono immediatamente neutralizzati. Prima i tre cercano di entrare in un pub, la cui entrata è però stata barricata. Poi aggrediscono un passante e un’altra persona interviene per cercare di fermarli tirando loro addosso una sedia. Quindi, arriva un’auto delle forze di sicurezza da cui scendono tre agenti che corrono in direzione degli aggressori per bloccarli. Uno dei poliziotti si scontra fisicamente con un terrorista e cade a terra assieme a lui. Dal momento in cui i tre agenti scendono dall’auto a quello in cui gli assalitori sono stesi a terra privi di vita passano venti secondi frenetici

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo e dintorni, come si può vincere? L’esempio delle Forze democratiche siriane

next
Articolo Successivo

Attacchi Isis in Iran mostrano che nessun Paese è immune dal terrorismo

next