Un ragazzo a torso nudo con uno zainetto che apre le braccia. E la folla intorno a lui che si apre. È il momento in cui le persone che erano in piazza San Carlo a Torino per guardare la finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid cominciano a correre e travolgere tutto.

Da sabato sera gli investigatori della Digos cercavano di capire cosa avesse potuto scatenare l’onda umana che ha seppellito anche un bimbo di sette anni ed erano a caccia di immagini, video e testimonianze. Sono passati pochi secondi dopo lo scoppio del panico in piazza San Carlo, la gente sta scappando, ma l’unico che rimane fermo e apre le braccia in mezzo alla folla è il giovane (nel mezzo del cerchio rosso). Un comportamento che ha insospettito gli inquirenti che adesso lo stanno cercando per chiarire la sua posizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, immagini e video al vaglio: si cerca di identificare ragazzo a torso nudo. “Due giovani ammettono bravata”

next
Articolo Successivo

Torino, procuratore Spataro: “Per ora né indagati né ipotesi di reato”. Al vaglio anche gli atti amministrativi

next