Ora ci sono nomi e cognomi. Di due persone: per gli inquirenti sono stati loro il 10 maggio scorso ad appiccare il fuoco al camper nella periferia est di Roma, uccidendo tre sorelle di 4, 8 e 20 anni. I due, entrambi uomini di origini rom, sono accusati di omicidio volontario plurimo e tentato omicidio, e da giorni gli inquirenti sono sulle loro tracce. Grazie ai video delle telecamere di sorveglianza e alle testimonianze raccolte dai genitori delle vittime (scampati al rogo con i loro altri otto figli) la squadra mobile ha le idee chiare sul movente del gesto che parrebbe legato a uno scontro tra famiglie. Gli Halilovic, infatti, avevano subito pesanti minacce e proprio per questo da qualche tempo non risiedevano più in un campo nomadi ma in un parcheggio di via Ugo Guattari, dietro al centro commerciale di Viale della Primavera, nel quartiere Centocelle, dove è avvenuta la tragedia poco dopo le tre del mattino del 10 maggio.

Del camper non è rimasto nulla a parte la cabina del guidatore e da quella notte, squadra mobile e Digos lavorano senza sosta per trovare i colpevoli uno dei quali era stato immortalato dalle immagini di video sorveglianza delle telecamere presenti nella zona mentre lanciava la bottiglia incendiaria contro il mezzo. Che si trattasse di un incendio doloso, però, lo si è capito subito dai resti di vetri e materiale infiammabile trovati attorno al veicolo. Poi c’è stato il racconto delle vittime scampate all’agguato che agli inquirenti hanno raccontato di aver subito minacce pesanti. Il pm Antonino Di Maio della procura di Roma coordina l’inchiesta per incendio e omicidio plurimo volontario perché non ci sono dubbi sul fatto che gli uomini al quale danno la caccia gli inquirenti abbiano appiccato l’incendio sapendo che nel camper dormiva un’intera famiglia.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ravenna, 14enne posta foto di tagli a un braccio su Facebook. Polizia: “Si indaga su ipotesi Blue Whale”

prev
Articolo Successivo

Ancona, bambino morto per otite – Autopsia: “Encefalite”. Medico omeopata e genitori indagati per omicidio colposo

next