Finisce come una favola della buonanotte il Gran Premio di Formula 1 di Montecarlo: Ferrari prima e seconda, a ordine invertito rispetto alla partenza (Vettel sorpassa ai box il compagno Raikkonen, sfruttando i due giri in più in pista dopo il cambio gomme). Ricciardo terzo e Mercedes fuori dal podio. Per tutti gli altri il sonno post-prandiale è assicurato: le uniche emozioni le regala il guardrail di Montecarlo, capace di interrompere più volte la corsa quando il malcapitato di turno va a sbattere. Succede, ed è il momento in cui la gara può cambiare, al tedesco della Sauber Wehrlein. Al 61° giro, prima del tunnel viene toccato e finisce con la macchina appoggiata su un fianco contro il parapetto. Entra la Safety car e i distacchi si azzerano.

E’ l’unico momento in cui le Mercedes vedono da vicino le rosse di Maranello. Per il resto la gara scorre come l’acqua, senza neanche una bollicina principesca a ravvivare la situazione. In Ferrari si esulta, e giustamente: Vettel allunga nel mondiale piloti, Raikkonen si riprende dalle figuracce e la scuderia torna in testa al mondiale costruttori. Ma per lo spettatore a casa il gran premio più spettacolare dell’anno è una noia puntellata da qualche momento di riscatto. Come il finale di Ricciardo che prova a insidiare Raikkonen. O il siparietto di Fernando Alonso che dalla 500 miglia di Indianapolis dice via radio al sostituto Button: “Riporta a casa la mia macchina”. Macché, ad Alonso va male anche quando non corre: è proprio Button a giocare alla gru con Wehrlein.

Che le McLaren non siano che un ricordo del tempo che fu era noto. Ma il confronto diventa impietoso per loro e per l’intero circus quando, a pochi minuti dall’inizio della gara, la Rai manda in onda un giro di Ayrton Senna del 1990. La telecamera tremolante, la mano che si stacca dal volante per cambiare e lo sterzo che sussulta a ogni correzione. I sorpassi violenti sottolineati anche dallo sforzo fisico del campione. Niente a che vedere con la morbida quotidianità delle mani di Vettel, sempre rilassate manco stesse guidando un minivan all’esame di guida. Il ferrarista va a vincere e esulta alla radio 16 anni dopo l’ultimo successo delle rosse a Montecarlo, con Schumacher. “Master Vettel in Monaco! Grazie ragazzi, grande lavoro la macchina era molto buona”.

Gioiranno i pasionari della Formula 1: una Ferrari vincente è come Valentino Rossi ancora in vetta nella MotoGp: da non crederci. Ma la democrazia dell’alternanza Mercedes-Ferrari, nelle gare automobilistiche non basta – al contrario di Rossi con le due ruote – a mantenere vivo lo spettacolo.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, Gran premio di Montecarlo: prima fila tutta Ferrari con Raikkonen e Vettel. Hamilton 13°

next
Articolo Successivo

Montecarlo, la doppietta Ferrari mette nei guai le Mercedes. E ora i campioni inseguono

next