Accolti dal premier italiano Paolo Gentiloni al Teatro greco, tutti i leader del G7 sono arrivati a Taormina (dove è in corso il vertice) puntuali. Unica eccezione: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che si è presentato per i consueti saluti in ritardo rispetto all’orario previsto. Il presidente del Consiglio lo ha aspettato davanti alla bandiere per la foto di famiglia di avvio del summit quasi dieci minuti. La scena ricorda quella del 2009, quando l’allora premier Berlusconi, impegnato in una telefonata, fece attendere la cancelliera tedesca Merkel al vertice Nato di Baden-Baden.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Legge elettorale, oltre 400 emendamenti al Rosatellum (anche del Pd). M5s lo vuole più proporzionale, Fi più “tedesco”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, la mossa di Grillo: consultazione online tra gli iscritti per il sistema tedesco

next