Tutto rimandato, ancora una volta. Al di là delle parole di Renzi (“Non vediamo l’ora che parta”, ha scritto ieri nella e-news), l’iter per istituire la Commissione d’inchiesta sulle banche alla Camera procede con tempi biblici. Lo scorso 4 aprile il Senato aveva approvato la legge per avviare la bicamerale sul sistema bancario. Ma ora tocca a Montecitorio dire sì alla legge istitutiva, senza modifiche. Peccato che la legge sia soltanto al sesto posto nell’ordine del giorno. Il Movimento 5 Stelle ha chiesto di anticiparla, con Forza Italia favorevole. “Subito la Commissione d’inchiesta sulle banche, bastano 15 minuti”. Ma Pd e maggioranza hanno bocciato la proposta: priorità alla legge sui parchi e le aree verdi. Non c’è fretta per i dem, anche perché la commissione dovrebbe convocare l’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni, dopo quanto rivelato da Ferruccio De Bortoli nel suo libro e le smentite di Maria Elena Boschi (con querela annunciata ma mai arrivata) sulla richiesta della stessa ex ministra all’ex ad di valutare l’acquisto di Banca Etruria. Ora, dopo la bocciatura della proposta del M5s, la commissione rischia di partire solo dopo le ferie estive. E con il possibile voto anticipato il 24 settembre, di finire di fatto nel dimenticatoio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondazioni e associazioni politiche, boom dopo il 2000 e ancora in crescita. In testa centrosinistra, debutta anche il M5s

next
Articolo Successivo

Manchester, Bonino: “Non dobbiamo cedere alla paura. Dobbiamo resistere culturalmente”

next